Biotopo Torbiera Selvote

Percorsi turistici di nicchia che possono migliorare la fruibilità turistica del territorio con particolare riferimento alle tematiche dell’eco turismo, slow tourism e turismo accessibile

PERCORSI PER TURISTI CON DISABILITÀ FISICHE, SENSORIALI E COGNITIVE, ANZIANI, FAMIGLIE CON CARROZZINE E FAMIGLIE CON ANIMALI

Percorsi pedonali – itinerari a piedi

Dei percorsi pedonali consentono la visita in sicurezza dell’ambito considerato. Lungo i percorsi di visita è presente delle una cartellonistica illustrativa sulle peculiarità naturalistico-ambientali dell’area. Si propongono i seguenti percorsi:

  • partenza dal Punto di Accoglienza con Parcheggio posto a ovest del Biotopo (in fase di realizzazione), si percorre un sentiero che con- sente di attraversare e conoscere il mosaico di ambienti caratteristici delle risorgive friulane: olle, torbiere, prati umidi, prati asciutti, rogge, boschi riparaiali, macchie boscate e ripristini del progetto LIFE.
  • partenza dalla frazione di Morsano (Castions di Strada) attraverso un paesaggio rurale caratteristico delle risorgive si raggiunge il Biotopo, per poi poter percorrere il sentiero sopra indicato.

PERCORSI PER TURISTI NATURALISTI, ECOTURISTI, SPORTIVI

Percorsi pedonali – itinerari a piedi

Dei percorsi pedonali consentono la visita in sicurezza dell’ambito considerato. Lungo i percorsi di visita è presente delle una cartellonistica illustrativa sulle peculiarità naturalistico-ambientali dell’area. Si propongono i seguenti percorsi:

  • partenza dal Punto di Accoglienza con Parcheggio posto a ovest del Biotopo (in fase di realizzazione), si percorre un sentiero che con- sente di attraversare e conoscere il mosaico di ambienti caratteristici delle risorgive friulane: olle, torbiere, prati umidi, prati asciutti, roggie, boschi riparaiali, macchie boscate e ripristini del progetto LIFE.
  • partenza dalla frazione di Morsano (Castions di Strada) attraverso un paesaggio rurale caratteristico delle risorgive si raggiunge il Biotopo, per poi poter percorrere il sentiero sopra indicato.

Percorsi ciclabili – itinerari in bicicletta

Il territorio offre diverse opportunità per visitarlo comodamente in bicicletta, diversi percorsi permettono di scoprire in modo semplice senza difficoltà l’ambito protetto.
Vari percorsi cicloturistici collegano il biotopo agli altri ambiti territoriali, in modo particolare agli altri biotopi di risorgiva ma nondimeno verso la Bassa pianura friulana: i boschi planiziali, i fiumi e la laguna. Si propongono i seguenti persorsi:

  • partenza dal Mulino Braida, Biotopi di Flambro e Virco, attraverso una viabilità secondaria si raggiunge il Biotopo Torbiera Selvote (Castions di Strada), si prosegue verso il Biotopo Paludi del Corno (Gonars) e si continua poi fino al Biotopo Paludi di Fraghis a Porpetto (e viceversa);
  • partenza dall’ abitato di Castions di Strada, attraverso vaibilità secondaria (sterrati per lo più) si raggiunge il Biotopo, per poi prose- guire in direzione sud costeggiando per un tratto il fiume-canale Cormor si raggiunge il Bosco Boscat (Castions di Strada) e ritorno;
  • partenza dal biotopo Palude Selvote e attraverso la campagna friulana, passando per i boschi planiziali di Muzzana del Turgnano, attraversando i fiumi di risorgiva si arriva all’abitato di Marano Lagunare e la riserva naturale Valle Canal Novo (e viceversa);

Ippovia – Itinerari a cavallo

L’Ippovia del Cormor è un itinerario percorribile a cavallo, in bicicletta e a piedi, che raggiunge e attraversa luoghi naturali come parchi, riserve, boschi, supera colline e valli, costeggia laghi e fiumi, e raggiunge luoghi di interesse culturale come aree archeologiche, chiese, dimore storiche e borghi. Il torrente Cormôr è un corso d’acqua che si snoda lungo un percorso di 63 chilometri. Nasce a Buja, in località Santo Stefano e, attraversando le colline moreniche e l’alta e bassa pianura friulana, sfocia nella laguna di Marano.
Nascendo come percorso percorribile principalmente a cavallo, al suo interno o nelle immediate vicinanze si trovano maneggi e stazioni di sosta attrezzate dove il cavaliere ed il cavallo possono trovare assistenza e ristoro. Sono anche numerose le possibilità per pernottare in foresterie, agriturismi, casolari privati o pubblici rifugi.
L’ambito è interessato dall’ultimo tratto dell’itinerario, partendo da Castions costeggiando il Cormor si raggiunge la laguna e l’abitato di Marano Lagunare.

Cartografie